Linguaggio, evento, paradosso. Sulla "Logica del senso" di Deleuze