Da «beccai» a macellai nella Firenze dei Medici