Baudelaire, la natura e il peccato