Il libro contiene due diari della seconda guerra mondiale ambientati nella pianura della Bassa Romagna, analizzati e contestualizzati nel quadro dei problemi scaturiti dall'emergenza bellica negli anno 1943-45. Gli autori sono Quirino Majorana, illustre scienziato, professore di Fisica sperimentale al Politecnico di Torino e poi all'Università di Bologna, sfollato a Fusignano: e Liliana Corelli, giovane popolana di Fusignano, anch'essa sollecitata alla scrittura dalle anomale condizioni imposte dal conflitto. La forte distanza - anagrafica, sociale, culturale - che separa i due autori ne scandisce il rapporto con la scrittura e con la situazione; ma accanto alle evidenti differenze, i diari mostrano affinità molteplici e soprattutto rivelano come il gesto della scrittura sia riconosciuto come àncora di resistenza individuale, un angolo segreto per sfogare le proprie emozioni e alimentare la fiamma della speranza del ritorno alla normalità.

Baioni, M., & Belletti, A. (a cura di). (1995). I giorni della guerra. Il passaggio del fronte a Fusignano nei diari di Quirino Majorana e Liliana Corelli (1944-1945). RAVENNA : Longo.

I giorni della guerra. Il passaggio del fronte a Fusignano nei diari di Quirino Majorana e Liliana Corelli (1944-1945)

BAIONI, MASSIMO;
1995

Abstract

Il libro contiene due diari della seconda guerra mondiale ambientati nella pianura della Bassa Romagna, analizzati e contestualizzati nel quadro dei problemi scaturiti dall'emergenza bellica negli anno 1943-45. Gli autori sono Quirino Majorana, illustre scienziato, professore di Fisica sperimentale al Politecnico di Torino e poi all'Università di Bologna, sfollato a Fusignano: e Liliana Corelli, giovane popolana di Fusignano, anch'essa sollecitata alla scrittura dalle anomale condizioni imposte dal conflitto. La forte distanza - anagrafica, sociale, culturale - che separa i due autori ne scandisce il rapporto con la scrittura e con la situazione; ma accanto alle evidenti differenze, i diari mostrano affinità molteplici e soprattutto rivelano come il gesto della scrittura sia riconosciuto come àncora di resistenza individuale, un angolo segreto per sfogare le proprie emozioni e alimentare la fiamma della speranza del ritorno alla normalità.
9788880630418
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/36935
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo