Mario Persico: su Courbet e su altri realismi