Il libro - e la giornata di studio da cui si origina - si incentra sui modelli per comprendere la dinamiche di rischio psicosociale e sulle nuove prassi formative e organizzative per ridurre al minimo i fattori di pericolo, innalzando il benessere delle organizzazioni e nelle organizzazioni. Data l’ampiezza del tema è stata fatta la scelta di privilegiare - tra tutti i fattori in gioco - quelli inerenti la dimensione comunicativo-relazionale, evidenziandone il ruolo primario nei fenomeni di stress, mobbing, burn-out e in altri fenomeni di “tossicità intraorganizzativa” meno eclatanti ma non meno importanti. L’assunto da cui il lavoro è partito è infatti che alla base del disagio psicosociale - nelle sua diverse sfaccettature - vi sia soprattutto una scarsa competenza comunicativo relazionale delle persone, associata a modelli organizzativi che favoriscono - invece di prevenire - i conflitti interpersonali. Appare dunque fondamentale promuovere iniziative e strategie volte al miglioramento di tali competenze e al connesso adeguamento dei modelli organizzativi. In tal modo non solo si possono prevenire disfunzioni e patologie psicosociali e psicosomatiche ma anche creare le condizioni per un “clima” relazionale più armonico e collaborativo, ponendo le basi per un vero e proprio benessere dell’individuo e del sistema sociale in cui lavora, migliorando al contempo il rendimento lavorative dei singoli, le performances e la produttività dell’organizzazione stessa.

Buccioni, I., & Cheli, E. (a cura di). (2006). Benessere nelle organizzazioni. Valorizzare il capitale relazionale come sostegno della qualità della vita professionale. ROMA : ISPESL.

Benessere nelle organizzazioni. Valorizzare il capitale relazionale come sostegno della qualità della vita professionale

CHELI, ENRICO
2006

Abstract

Il libro - e la giornata di studio da cui si origina - si incentra sui modelli per comprendere la dinamiche di rischio psicosociale e sulle nuove prassi formative e organizzative per ridurre al minimo i fattori di pericolo, innalzando il benessere delle organizzazioni e nelle organizzazioni. Data l’ampiezza del tema è stata fatta la scelta di privilegiare - tra tutti i fattori in gioco - quelli inerenti la dimensione comunicativo-relazionale, evidenziandone il ruolo primario nei fenomeni di stress, mobbing, burn-out e in altri fenomeni di “tossicità intraorganizzativa” meno eclatanti ma non meno importanti. L’assunto da cui il lavoro è partito è infatti che alla base del disagio psicosociale - nelle sua diverse sfaccettature - vi sia soprattutto una scarsa competenza comunicativo relazionale delle persone, associata a modelli organizzativi che favoriscono - invece di prevenire - i conflitti interpersonali. Appare dunque fondamentale promuovere iniziative e strategie volte al miglioramento di tali competenze e al connesso adeguamento dei modelli organizzativi. In tal modo non solo si possono prevenire disfunzioni e patologie psicosociali e psicosomatiche ma anche creare le condizioni per un “clima” relazionale più armonico e collaborativo, ponendo le basi per un vero e proprio benessere dell’individuo e del sistema sociale in cui lavora, migliorando al contempo il rendimento lavorative dei singoli, le performances e la produttività dell’organizzazione stessa.
8889415223
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
benessere organizzazioni - ispesl.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 471.08 kB
Formato Adobe PDF
471.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/34372
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo