Il volume propone una lettura dell'orientalismo letterario da una prospettiva comparata e transatlantica, attraverso un approccio a testi britannici e americani condotto per generi e temi. Dall'analisi dei flussi materiali e simbolici che l'Inghilterra e la Nuova Repubblica americana fanno transitare attraverso l'Oriente nel passaggio dall'Illuminismo all'età romantica, l'orientalismo emerge come un fenomeno determinante tanto nei processi di formazione dell'identità nazionale, quanto nella genesi di una sensibilità sincretica e pluricentrica che caratterizza le moderne istanze di interculturalità.

Spandri, E.A. (2009). Wideworlds. L'orientalismo nella letteratura inglese e americana, 1760-1830. PISA : Pacini.

Wideworlds. L'orientalismo nella letteratura inglese e americana, 1760-1830

SPANDRI, ELENA ANNA
2009-01-01

Abstract

Il volume propone una lettura dell'orientalismo letterario da una prospettiva comparata e transatlantica, attraverso un approccio a testi britannici e americani condotto per generi e temi. Dall'analisi dei flussi materiali e simbolici che l'Inghilterra e la Nuova Repubblica americana fanno transitare attraverso l'Oriente nel passaggio dall'Illuminismo all'età romantica, l'orientalismo emerge come un fenomeno determinante tanto nei processi di formazione dell'identità nazionale, quanto nella genesi di una sensibilità sincretica e pluricentrica che caratterizza le moderne istanze di interculturalità.
978-88-6315-175-6
Spandri, E.A. (2009). Wideworlds. L'orientalismo nella letteratura inglese e americana, 1760-1830. PISA : Pacini.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Elena Spandri - Wideworlds (leggero).pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 5.51 MB
Formato Adobe PDF
5.51 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/27088