Sull'impiego dei metodi relazionali nell'analisi della fertilità per ordine di nascita