Orecchie infarcite, ricordi ob-litterati. Su alcune figurazioni antiche della memoria