Il Sublime, dalla retorica alla metafisica