Un’inedita e sorprendete visibilità. Donne della Lebole tra campagna e fabbrica