Commento a G. Trautteur "Strutture algoritmiche per la coscienza"