Le parole dello scandalo: 'vergogna', o meglio 'disgrace'