Famiglie non riconosciute: una discriminazione per i genitori o per i figli?