La libertà di coscienza nella pluralità degli ordinamenti giuridici