L’alterità è l’esito di un giudizio fondato sul riconoscimento di segni dell’estraneità, di qualcosa che non conosciamo già, a partire dai quali ci facciamo un’immagine, e una ragione, dell’Altro: condizione necessaria per l’espressione di qualsiasi giudizio. Ma come si può conoscere qualcosa che riconosciamo proprio in quanto sconosciuto, per pura differenza? È in questo spazio fra la necessità e l’impossibilità che si colloca tutta la panoplia di figure dell’Altro, mostri o unicorni che siano. Veri apparati di cattura semiotici che le culture elaborano per tradurre l’Altro in qualcosa di “pre-conosciuto, e spesso associati a giudizi già formulati, a pre-giudizi. È di questi modelli che il libro si occupa, con gli strumenti della semiotica, in una sorta di inseguimento, per nulla sistematico, delle sue manifestazioni all’interno dei testi più diversi (letterari, cinematografici, documentali, pittorici e fotografici), nella convinzione che il loro studio abbia qualcosa di importante da insegnarci: non tanto a confrontarci con l’Altro, quanto a capire le dinamiche semiotiche attraverso cui lo comprendiamo e lo giudichiamo.

Lancioni, T. (2020). E inseguiremo ancora unicorni. Alterità immaginate e dinamiche culturali. Milano : Mimesis Edizioni.

E inseguiremo ancora unicorni. Alterità immaginate e dinamiche culturali

Tarcisio Lancioni
2020

Abstract

L’alterità è l’esito di un giudizio fondato sul riconoscimento di segni dell’estraneità, di qualcosa che non conosciamo già, a partire dai quali ci facciamo un’immagine, e una ragione, dell’Altro: condizione necessaria per l’espressione di qualsiasi giudizio. Ma come si può conoscere qualcosa che riconosciamo proprio in quanto sconosciuto, per pura differenza? È in questo spazio fra la necessità e l’impossibilità che si colloca tutta la panoplia di figure dell’Altro, mostri o unicorni che siano. Veri apparati di cattura semiotici che le culture elaborano per tradurre l’Altro in qualcosa di “pre-conosciuto, e spesso associati a giudizi già formulati, a pre-giudizi. È di questi modelli che il libro si occupa, con gli strumenti della semiotica, in una sorta di inseguimento, per nulla sistematico, delle sue manifestazioni all’interno dei testi più diversi (letterari, cinematografici, documentali, pittorici e fotografici), nella convinzione che il loro studio abbia qualcosa di importante da insegnarci: non tanto a confrontarci con l’Altro, quanto a capire le dinamiche semiotiche attraverso cui lo comprendiamo e lo giudichiamo.
9788857563886
Lancioni, T. (2020). E inseguiremo ancora unicorni. Alterità immaginate e dinamiche culturali. Milano : Mimesis Edizioni.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LANCIONI_Unicorni Ridotto.pdf

non disponibili

Tipologia: PDF editoriale
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 5.18 MB
Formato Adobe PDF
5.18 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/1112950