Emergenza coronavirus: e il Parlamento?