Sulla poesia della sterilità. A proposito di Der Mensch als Weib