Il faticoso ingresso di Arezzo nell'età contemporanea. I primi due decenni postunitari (1861-1882) vedono il lento declino della vecchia aristocrazia terriera e il progressivo emergere dei nuovi cetri "borghesi"