Il teatro di Fernando Arrabal (Melilla, 1932) offre numerosi spunti di riflessione sul rapporto malattia-letteratura. I protagonisti dei drammi arrabaliani si presentano come individui adulti che agiscono e si esprimono molto spesso con un atteggiamento ed un linguaggio infantili. All’infantilismo, uniscono però dei comportamenti violenti tipici dell’individuo adulto alienato (schizofrenico e psicotico), caratteristiche queste che hanno inserito il teatro di Arrabal nel solco del teatro della crudeltà. I personaggi arrabaliani possono essere interpretati come una metafora della situazione culturale e politica della Spagna franchista, dove gli adulti-bambini che si muovono in scena rappresentano il popolo iberico in un contesto chiuso come quello della dittatura, che preferisce aver a che fare con individui sentimentalmente e psicologicamente immaturi. Ma la follia è anche la scintilla della creatività, la rottura di un ordine inaccettabile perché autoritario. Il comportamento deviato, nel teatro di Fernando Arrabal, assume un valore positivo nel momento in cui si pone come strumento di libertà. La malattia diventa, così, cura.

Bellomi, P. (2012). "El gran ceremonial" di Fernando Arrabal: il teatro come luogo di perversione e di cura. In S. Monti (a cura di), Malattia e scrittura. Saperi medici, malattie e cure nelle letterature iberiche (pp. 259-290). Verona : Cierre Grafica.

"El gran ceremonial" di Fernando Arrabal: il teatro come luogo di perversione e di cura

Bellomi, Paola
2012-01-01

Abstract

Il teatro di Fernando Arrabal (Melilla, 1932) offre numerosi spunti di riflessione sul rapporto malattia-letteratura. I protagonisti dei drammi arrabaliani si presentano come individui adulti che agiscono e si esprimono molto spesso con un atteggiamento ed un linguaggio infantili. All’infantilismo, uniscono però dei comportamenti violenti tipici dell’individuo adulto alienato (schizofrenico e psicotico), caratteristiche queste che hanno inserito il teatro di Arrabal nel solco del teatro della crudeltà. I personaggi arrabaliani possono essere interpretati come una metafora della situazione culturale e politica della Spagna franchista, dove gli adulti-bambini che si muovono in scena rappresentano il popolo iberico in un contesto chiuso come quello della dittatura, che preferisce aver a che fare con individui sentimentalmente e psicologicamente immaturi. Ma la follia è anche la scintilla della creatività, la rottura di un ordine inaccettabile perché autoritario. Il comportamento deviato, nel teatro di Fernando Arrabal, assume un valore positivo nel momento in cui si pone come strumento di libertà. La malattia diventa, così, cura.
9788895351704
Bellomi, P. (2012). "El gran ceremonial" di Fernando Arrabal: il teatro come luogo di perversione e di cura. In S. Monti (a cura di), Malattia e scrittura. Saperi medici, malattie e cure nelle letterature iberiche (pp. 259-290). Verona : Cierre Grafica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/1067367