Elizabeth Asmis, Epicuro e il 'De signis' di Filodemo