Antonio Roverella, la ricezione civile del Petrarca bucolico e la traduzione dell’egloga VII