It’s well-known that the presence and activities of the French Corps of Engineers in Italy, in the Napoleonic era, was very important. The research, conducted with geo-historical methodology, considers an unpublished and considerable corpus preserved in the military archives of Vincennes (Paris). This corpus – composed of written memoirs, general and detailed cartographies, statistic tables, etc. – concerns the system of the Ligurian and Tuscan coast fortifications (fortified towns, individual forts and watchtowers). The detailed surveys, conducted between 1810 and 1813 by these military engineers, were designed to detect the state of affairs, the problems and the rationalization of the defense systems (new buildings, adaptations and demolitions). This study sheds new light on the processes that affect the long coastal arch between the French border and the Lazio region, in the Napoleonic era, thanks to a documentation that allows you to locate and identify the status of any minimum defense structure in its historic, landscape and environmental context. ITALIANO: Come è noto, la presenza e l’attività del Genio francese in Italia, in età napoleonica, è stata rilevante.Il nostro intervento, condotto con metodologia geostorica, considera un corpo documentario inedito di notevole consistenza conservato negli archivi militari di Vincennes (Parigi). Il fondo – composto di memorie scritte, cartografie d’insieme e di dettaglio, elaborati progettuali, tabelle statistiche, ecc. – riguarda il sistema delle fortificazioni della costa ligure e toscana (centri fortificati e singole strutture). Le minuziose ricognizioni, condotte tra il 1811 e il 1813 da questi ingegneri militari, erano finalizzate a rilevare lo stato di fatto, le criticità e la razionalizzazione del sistema delle difese (nuove costruzioni, adeguamenti e abbattimenti). Questo studio getta nuova luce sui processi che interessano il lungo arco costiero compreso tra il confine francese e il territorio del Lazio, in età napoleonica, grazie a una documentazione che consente di individuare e censire lo stato di ogni minima struttura difensiva nel suo contesto storico, paesistico e ambientale.

Guarducci, A., Rossi, L., & Gemignani Carlo, A. (2017). Ricognizioni del Genio e dell'Artiglieria francesi sulle fortificazioni costiere liguri-tirreniche. Interventi e progetti (1810-1813). In V. ECHARRI IRIBARREN (a cura di), Defensive Architecture of the Mediterranean. XV to XVIII Centuries (pp. 263-270). Alicante : Publicacions Universitat d’Alacant.

Ricognizioni del Genio e dell'Artiglieria francesi sulle fortificazioni costiere liguri-tirreniche. Interventi e progetti (1810-1813)

Guarducci Anna;
2017

Abstract

It’s well-known that the presence and activities of the French Corps of Engineers in Italy, in the Napoleonic era, was very important. The research, conducted with geo-historical methodology, considers an unpublished and considerable corpus preserved in the military archives of Vincennes (Paris). This corpus – composed of written memoirs, general and detailed cartographies, statistic tables, etc. – concerns the system of the Ligurian and Tuscan coast fortifications (fortified towns, individual forts and watchtowers). The detailed surveys, conducted between 1810 and 1813 by these military engineers, were designed to detect the state of affairs, the problems and the rationalization of the defense systems (new buildings, adaptations and demolitions). This study sheds new light on the processes that affect the long coastal arch between the French border and the Lazio region, in the Napoleonic era, thanks to a documentation that allows you to locate and identify the status of any minimum defense structure in its historic, landscape and environmental context. ITALIANO: Come è noto, la presenza e l’attività del Genio francese in Italia, in età napoleonica, è stata rilevante.Il nostro intervento, condotto con metodologia geostorica, considera un corpo documentario inedito di notevole consistenza conservato negli archivi militari di Vincennes (Parigi). Il fondo – composto di memorie scritte, cartografie d’insieme e di dettaglio, elaborati progettuali, tabelle statistiche, ecc. – riguarda il sistema delle fortificazioni della costa ligure e toscana (centri fortificati e singole strutture). Le minuziose ricognizioni, condotte tra il 1811 e il 1813 da questi ingegneri militari, erano finalizzate a rilevare lo stato di fatto, le criticità e la razionalizzazione del sistema delle difese (nuove costruzioni, adeguamenti e abbattimenti). Questo studio getta nuova luce sui processi che interessano il lungo arco costiero compreso tra il confine francese e il territorio del Lazio, in età napoleonica, grazie a una documentazione che consente di individuare e censire lo stato di ogni minima struttura difensiva nel suo contesto storico, paesistico e ambientale.
978-84-16724-75-8
Guarducci, A., Rossi, L., & Gemignani Carlo, A. (2017). Ricognizioni del Genio e dell'Artiglieria francesi sulle fortificazioni costiere liguri-tirreniche. Interventi e progetti (1810-1813). In V. ECHARRI IRIBARREN (a cura di), Defensive Architecture of the Mediterranean. XV to XVIII Centuries (pp. 263-270). Alicante : Publicacions Universitat d’Alacant.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
105_Guarducci-Gemignani-Rossi_FortMed2017.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: PDF editoriale
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 4.25 MB
Formato Adobe PDF
4.25 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/1022274