I liberali, la "nuova Italia" e la questione costituente