La quanti,cazione dei pezzi ceramici scavati è risultata utile per la successiva fase di analisi e confronto delle varie classi e forme recuperate all’interno dei singoli vani. Questo approccio quantitativo è nato dalla volontà di dislocare e descrivere, all’interno dell’edi,cio, la distribuzione dei pezzi ceramici appartenenti alle varie classi e forme e delle quantità complessive pesate di ciascuna classe. A questo scopo, si è deciso di procedere alla gestione dei dati quantitativi di scavo attraverso un’applicazione GIS (Geographic Information System) che permettesse di eseguire correlazioni spaziali tra la componente geogra,ca, costituita dalla pianta di scavo, e una consistente componente alfanumerica, rappresentata dalla totalità dei dati quantitativi relativi ai pezzi ceramici scavati. L’impiego della tecnologia GIS ha permesso di elaborare una serie di mappe tematiche di distribuzione con la funzione di mostrare, in maniera chiara, la distribuzione delle quantità dei pezzi scavati, classi,cati in base all’appartenenza ad una determinata classe ceramica o forma ceramica e in base allo loro quantità pesata.

Salvini, R., & Verdiani, G. (2016). Analisi spaziale della distribuzione della ceramica nel complesso dell’area A. In A. D'Agostino (a cura di), L’Alto Tigri nelle età del Bronzo Antico e Medio : siti, sequenze e ceramiche rosso-brune tra fine III e inizio II mill. a.C. (pp. 296-309). Firenze : Università degli Studi di Firenze [10.36253/978-88-6453-466-4].

Analisi spaziale della distribuzione della ceramica nel complesso dell’area A

Salvini, R.;Verdiani, G.
2016

Abstract

La quanti,cazione dei pezzi ceramici scavati è risultata utile per la successiva fase di analisi e confronto delle varie classi e forme recuperate all’interno dei singoli vani. Questo approccio quantitativo è nato dalla volontà di dislocare e descrivere, all’interno dell’edi,cio, la distribuzione dei pezzi ceramici appartenenti alle varie classi e forme e delle quantità complessive pesate di ciascuna classe. A questo scopo, si è deciso di procedere alla gestione dei dati quantitativi di scavo attraverso un’applicazione GIS (Geographic Information System) che permettesse di eseguire correlazioni spaziali tra la componente geogra,ca, costituita dalla pianta di scavo, e una consistente componente alfanumerica, rappresentata dalla totalità dei dati quantitativi relativi ai pezzi ceramici scavati. L’impiego della tecnologia GIS ha permesso di elaborare una serie di mappe tematiche di distribuzione con la funzione di mostrare, in maniera chiara, la distribuzione delle quantità dei pezzi scavati, classi,cati in base all’appartenenza ad una determinata classe ceramica o forma ceramica e in base allo loro quantità pesata.
9788864534657
9788864534664
Salvini, R., & Verdiani, G. (2016). Analisi spaziale della distribuzione della ceramica nel complesso dell’area A. In A. D'Agostino (a cura di), L’Alto Tigri nelle età del Bronzo Antico e Medio : siti, sequenze e ceramiche rosso-brune tra fine III e inizio II mill. a.C. (pp. 296-309). Firenze : Università degli Studi di Firenze [10.36253/978-88-6453-466-4].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Salvini_Verdiani_Studia_Asiana_2016.pdf

non disponibili

Descrizione: Salvini_Verdiani_Studia_Asiana_2016
Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 785.62 kB
Formato Adobe PDF
785.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/1011276